giovedì 2 agosto

Per vedere le altre foto della serata cliccare qui.

La bellissima attrice Lula Teclehaimanot presenta AIMON
Ultimi Film due opere prime Aimon e I primi della lista

Esilarante il film Oggetti smarriti di Giorgio Molteni. Un bravissimo Roberto Farnesi che interpreta con maestria e leggerezza il ruolo di un padre dei nostri giorni. Ex marito, single di ritorno, eterno Peter Pan con una figlia di otto anni da gestire. Dopo la proiezione, Giorgio Molteni ha raccontato al pubblico del Festival i retroscena e gli aneddoti più curiosi aggiungendo ulteriore buon umore alla serata. Sul Palco del Festival anche le attrici Chiara Gensini, Tatiana Luter, lo sceneggiatore Giorgio Fabbri e il produttore Marco Quintili.

 

 

Venerdì 3 agosto

Alle 21 Ainom di Lorenzo Ceva Valla e Mario Garofalo – opera prima

Un lavoro firmato a quattro mani da Lorenzo Ceva Valla e Mario Garofalo, un film drammatico che racconta la storia di una ex guerrigliera eritrea. Ainom fuggita in Italia ha trovato un lavoro in una stazione sciistica nei pressi del confine francese. Il suo sogno è quello di ricongiungersi con la famiglia e così cerca di organizzare un piano per far arrivare clandestinamente in Italia marito e figlio. Ma l’arrivo improvviso di una coppia di fidanzati crea non pochi problemi al piano di Ainom. Un film di levatura internazionale anche se girato a budget ridotto, assolutamente da non perdere. Questa sera in sala per commentare la proiezione i registi Lorenzo Ceva Valla e Mario Garofalo con la bellissima protagonista Lula Teclehaimanot.

A seguire I primi della lista di Roan Johnson - opera prima

Il sessantotto e gli anni di piombo non è un tema particolarmente toccato dal cinema italiano e scherzarci sopra è quasi un tabù. Ci voleva l’esordio alla regia di Roan Johnson per farlo. Il poco più che trentacinquenne mezzo pisano e mezzo londinese ci racconta una storia ispirata a fatti reali accaduti negli anni di piombo in Italia. Un racconto on the road e scanzonato, dove la realtà politica e sociale è solo un pretesto per scatenare quella che è una vera e propria odissea. I fatti sono presi da una storia vera svoltasi il 1 giugno 1970, con personaggi veri e con tanto di titoli di giornale a testimoniarne l’evento. Il corriere della Sera titolava: Stupore a Pisa: tre ragazzi chiedono asilo politico in Austria. Presdente in sala Davide Lantieri uno dei due sceneggiatori che racconterà come